Come smettere di pagare il Canone RAI (e non solo)

Il Canone Rai è un’imposta sulla detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di radioaudizioni televisive nel territorio italiano.

La parola chiave è detenzione.

Il Canone Rai è dovuto da chiunque detenga, cioè sia in possesso, di un apparecchio atto alla ricezione di trasmissioni radiotelevisive.

Che significa?

Significa che anche quelli che “Io la TV non la guardo mai”, devono pagare il Canone. Perché hanno una TV (o un apparecchio atto a…)

La natura giuridica del canone si basa su quanto disposto da un regio decreto che risale addirittura al 21 febbraio 1938, emanato nientepopodimenoche da Vittorio Emanuele III di Savoia.

«Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto.»

R.D.L. 21 febbraio 1938, n. 246 art. 1, in materia di “Disciplina degli abbonamenti alle radioaudizioni.”

In questo breve video ti mostriamo la reazione tipica che l’uomo medio ha quando capisce che il Canone Rai lo deve pagare anche se la TV gli fa schifo.

Sappi che anche se getti la TV dal balcone, il Canone Rai dovrai pagarlo lo stesso, oltre alla denuncia che certamente ti prenderai per aver attentato alla vita di qualche passante.

COME FARE PER NON PAGARE IL CANONE RAI?

Fino a qualche anno fa, non pagare il Canone RAI era abbastanza semplice. Ti bastava dire di non possedere una Tv.

Era compito dello Stato dimostrare che invece la possedevi.

Dal 2016, però, il Canone RAI si paga con la bolletta della luce.

Eh sì. Siccome noi fornitori non eravamo abbastanza odiati, il Governo ha deciso di farci detestare ancora di più, inserendo nella bolletta un’altra delle tantissime voci cosiddette “passanti”, sulle quali cioè, non incassiamo nulla.

Solo le parolacce.

Maledetti Parlamento GIF - Maledetti Parlamento Vecchia - Discover & Share  GIFs | Cool gifs, Gif, Animated gif

Il Canone Ordinario ammonta a 90 euro annuali, che si pagano in rate da 9 euro mensili, nel caso di Union Energia. Se hai la fatturazione bimestrale pagherai 18 euro a bimestre.

Dal 2016, quindi, non è più lo Stato che deve dimostrare che possiedi un Televisore. Sei tu che – se non vuoi pagare il Canone – devi dimostrare che non hai la TV.

Se rientri nella categoria di persone che non possiedono nessun apparecchio atto alla ricezione bla, bla bla, puoi chiedere l’esonero.

ATTENZIONE: puoi chiedere l’esonero anche se rientri in determinate categorie.

Se hai compiuto 75 anni ed il tuo reddito famigliare è inferiore ai 6.700 euro annui, puoi chiedere l’esonero.

Inoltre, hai diritto all’esonero se

  • sei un invalido civile degente in casa di riposo;
  • appartieni alle forze armate italiane;
  • sei un cittadino straniero e appartieni alle forze Nato;
  • sei un diplomatico o un console straniero che appartiene ai Paesi in cui hanno diritto allo stesso trattamento consoli e diplomatici italiani;
  • sei un rivenditore o un negozio in cui si svolge l’attività di riparazione di televisori.

Ci spiace scriverlo, ma se sei cieco devi pagare il Canone RAI.

Purtroppo è così. Il non vedente deve pagare il Canone RAI proprio perché l’imposta è sul possesso dell’apparecchio.

A meno che non possegga nessun apparecchio, quindi, deve pagare.

COME CHIEDERE L’ESONERO

Se non possiedi nessun apparecchio televisivo, nessun pc o laptop o computer o tablet, puoi chiedere l’esonero dal pagamento del canone RAI.

Per farlo è necessario compilare il Quadro A o “dichiarazione sostitutiva di non detenzione” che trovi in questo modello dell’Agenzia delle Entrate.

Attraverso questo documento dichiari di non possedere alcun apparecchio TV.

Il modulo va inviato ogni anno, a mezzo raccomandata, entro il 31 gennaio dell’anno per il quale si chiede l’esonero.

In ogni caso, esiste un modo per non pagare mai più né il Canone RAI, né il trasporto, né niente.

Questo modo si chiama AZZERIAMOLA